Vuoi creare un Access Point WiFi nel tuo locale?

Come fornire un accesso internet ai propri clienti, in sicurezza e con possibilità di espansione:

La nostra società può offrire un servizio chiavi in mano di: progettazione, installazione e gestione di Access Point pubblici. Partendo dalle configurazioni più semplici con costi vicini a quelli di Access Point di buona qualità fino a installazioni complesse con possibilità di gestione di livelli di utenti (ad esempio velocità diverse fra chi utilizza il servizio gratuitamente e chi a pagamento o è cliente abituale), aree particolarmente ampie, esigenze particolari di sicurezza. Grazie a questi sistemi potrete offrire un accesso WiFi in sale conferenze, uffici, negozi ed altri locali pubblici, senza compromettere la sicurezza della propria rete esistente. È inoltre possibile un uso pubblicitario grazie alla funzione di Captive Portal.

Caratteristiche comuni a tutti i prodotti:

  • Captive Portal – Visualizza automaticamente al momento dell’accesso una pagina informativa o pubblicitaria
  • Protezione della rete LAN privata – Chi è collegato via WiFi non può accedere alla rete intera.
  • Protezione dei singoli utenti – Ciascuno utilizza una rete IP separata e non può connettersi direttamente agli altri utenti
  • Possibilità di limitare la banda utilizzabile sia in Upload che Dowload per evitare la saturazione della linea ADSL.
  • Log delle connessioni sempre adeguato alle modifiche della legge in vigore.
  • Scalabile ed ampliabile in qualsiasi momento
  • Facile da gestire

 

Perché non sfruttarlo anche in altro modo con la tua pubblicità?

Queste informazioni saranno utili soprattutto a chi volesse installare un HotSpot WiFi libero nel proprio ufficio, negozio o locale pubblico e a chi volesse sostituire quello attuale. A meno di modifiche in fase di approvazione del Decreto Legge, la liberalizzazione degli accessi WiFi semplifica molto l’attivazione e la gestione dei punti di accesso. Non è più necessario essere società specializzate in telecomunicazioni per l’installazione e non è più necessario avere traccia delle persone che effettuano il collegamento. Resta comunque la necessità di essere in grado di memorizzare per ogni “device” collegato le connessioni avvenute. Anche prima di questa liberalizzazione molti locali pubblici hanno attivato dei punti di accesso liberi, spesso semplicemente collegando un normale Access Point ad una rete esistente, senza nessun tipo di controllo o semplicemente con una password che tutti i clienti possono richiedere senza nessun tipo di controllo.
Questo tipo di installazione, anche se semplice e poco costosa, comporta dei problemi di non poco conto: dal punto di vista legislativo normalmente non è possibile ottenere in questo modo un log delle connessioni effettuate ai vari siti dai vari apparecchi collegati alla rete. Dal punto di vista tecnico e di sicurezza ha questi punti deboli:  nessun tipo di limite alla banda utilizzata, questo significa che pochi clienti potrebbero saturare la banda disponibile, in pratica rendendo la rete inutilizzabile e poco reattiva, spesso anche per i computer utilizzati per la gestione del locale stesso. Tutti i “device” collegati al WiFi fanno parte delle stessa rete, rendendo più facile a eventuali computer colpiti da qualche virus, la diffusione dell’infezione agli altri apparecchi collegati in quel momento.
Per non parlare degli “smanettoni” più o meno esperti. Spesso non c’è separazione fra la rete WiFi pubblica e la rete interna (LAN o WiFi) utilizzata dai computer del locale, rendendo anche questi possibili obiettivi di eventuali virus o hackers. – dal punto di vista commerciale si perde la possibilità di veicolare delle informazioni pubblicitarie a chi utilizza, gratuitamente, la rete messa a disposizione, oppure per invogliare gli utenti a iscriversi a newsletter o pagine di Social Network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.